Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

Paninipedia – DINO (Panini)

Didattica

EDICOLA NEWS: LE RECENSIONI nr. 361

in collaborazione con Edicola Birra Fumetteria

album: Paninipedia – Dino (Panini)

figurine: 204 (1-191, X1-X13)

starter pack: album + 5 bustine 3,90€

blister: 5 bustine 3,50€

box: 36 bustine (5 figurine per bustina) 0,70€ cad.

Il grande ritorno dei Panini didattici? Sembra proprio di sì. Ma cosa sono gli album didattici? Erroneamente, nel mondo collezionistico delle figurine, si considerano tali tutti gli album che non sono sportivi. Quasi a volere mettere in alto calcio ed altro e di poco conto tutto il resto. Per fortuna non è così, ma è giusto fare delle necessarie differenze. Il termine didattico riporta ai tempi della scuola e dello studio e sono appunto quei album che hanno o possono avere una finalità di studio e conoscenza, al di là della passione, che può essere sportiva o per cartoni animati, fumetti, film, youtuber o altro.

Fino a questo momento gli unici album recenti ad avere una impostazione didattica sono stati gli Amici Cucciolotti e gli Artonauti, splendidi entrambi che sosteniamo ad ogni uscita. Mancava che Panini facesse un passo in tal senso, dopo album interessanti ma abbastanza fini a se stessi degli ultimi anni.

Panini ha la potenzialità, la capacità, la possibilità di fare la differenza e lo fa appunto lanciando non un singolo prodotto ma una vera e propria collana che richiama le collezioni mitiche e fondamentali degli anni ’60 e ’70. Erano comunque cominciati anche prima, sin dal dopoguerra. Se è un tentativo, speriamo sia riuscito e speriamo abbia la giusta risposta da parte del pubblico.

Da questo punto di vista Panini fa anche una scelta opportuna e necessaria, il costo delle bustine è il più basso tra quelli proposti dalla casa modenese. Le figurine sono di qualità superiore, grande formato, ad un costo (0,70 a bustina per 5 figurine) contenuto. Probabilmente con l’obiettivo di potere entrare anche nelle scuole, di aiutare i più giovani ad imparare attraverso le figurine. Così come hanno fatto i loro genitori ed ancora prima i nonni.

Facendo l’occhiolino anche ai collezionisti, nella speranza che qualcuno (noi siamo tra questi) sposi l’idea non dell’album singolo ma di una serie che prenda in esame tematiche lontane tra loro ma che possono stare tutte sotto lo stesso ombrello, quello della cultura, della scienza, della storia, della didattica. La partnership con National Geographic opera in tal senso, mettersi nelle mani di chi, senza ombra di dubbio, può contribuire a creare qualcosa di adatto e conforme al tema affrontato.

Naturalmente si fa una scelta oculata andando sul sicuro con la prima uscita, gli album dei Dinosauri sono sempre di grande attrattiva per i bambini. Qui però non si parla di Jurassic Park (dove comunque Panini ha inserito negli anni anche dettagli didattici) ma degli animali preistorici, del loro habitat naturale e delle loro caratteristiche.

Imparare divertendosi, questa è la formula degli album didattici e funziona! Non solo per i bambini ma anche per gli adulti, il nostro invito ai genitori e di aiutare i figli ad attaccare le figurine, accompagnando i più piccoli tra le pagine affinché sia una attività ludica piena di contenuti.

Album assolutamente coinvolgente, ogni singola pagina ha una sua struttura ed una sua logica che permette di rendere completo l’insieme. Didascalie importanti ma non opprimenti, la speranza è che i bambini le leggano (anche da qui il nostro invito ai genitori o nonni di farsi coinvolgere), le figurine sono dinamiche e variegate.

Naturalmente è un album interattivo, simpatiche le pagine, diverse, dove il completamente con le figurine permette di aiutare a riconoscere gli animali. Importante anche alcuni aspetti che spesso sono considerati minori, ad esempio l’ubicazione geografica dei dinosauri. Sbagliato pensare che si parlasse di un unico posto dove vivevano tutte le specie, errore ad esempio sui cui facilmente si può ricadere tenendo a riferimento i film.

I Paleo Quiz fanno la loro comparsa durante tutto l’album e sono giustamente intervallati da pagine più tecniche, fa impressione pensare a quanti dinosauri diversi popolassero la terra, ad esempio. Ci sono dettagli davvero efficaci che rendono l’album ancora più divertente, come la pagina dedicata ai dinosauri più strani. Panini non dimentica il successo dei film jurassici, inevitabile una capitolo speciale per il Tirannosauro Rex.

Poster centrale con l’albero genealogico dei dinosauri. E’ una scelta sempre opportuna le pagine centrale apribili ma senza la necessità di staccarle. Questo contribuisce anche a mantenere intatto l’album, visto che questa presenza centrale lo rinforza. Comunque la carta dell’album è abbastanza buona, considerando che è di tipo lucido, sicuramente sopra la media Panini.

Tra le nostre pagine preferite quella dedicata alle impronte, ma davvero fare una cernita di cosa non funziona in questo album è difficile. In un’era di card inutili, limited, edizioni speciali, figurine tra poco in pelle umana (o pelle di dinosauro..), finalmente un Album dove la “a” non è maiuscola un caso. Costi contenuti, numero delle figurine totali poco sopra le 200, niente modernismi succhia soldi, qualità generale sopra la media, sicuramente tra i prodotti dell’anno. Sperando che il proseguo mantenga la stessa linea, se così sarà continueremo a sostenerlo!

(EN)


Related Posts

BIG DINOSAURS (Gamma 3000)

28 Novembre 2019

DINO & AMICI (Fol-Bo)

7 Ottobre 2018