Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

AMICI CUCCIOLOTTI 2024 (Pizzardi)

EDICOLA NEWS: LE RECENSIONI nr. 344

in collaborazione con Edicola Birra Fumetteria 
album: Amici Cucciolotti 2024 (Pizzardi)

figurine: 476 (1-460, MS1-MS8, T1-T8) + 72 card (1-72)

starter pack: album + 4 bustine 2,80€

starter pack: album cartonato + 4 bustine 4,90€

box: 100 bustine (6 figurine + 1 card per bustina) 0,70€ cad.

Il “copia e incolla” che ci piace. Inserire i dati base della nuova collezione Cucciolotti 2024 (numero di figurine, costi, ecc.) è stato molto semplice, è bastato selezionare la parte dalla recensione del Cucciolotti 2023 e riportala in questa. Non è un dettaglio da poco ed ha diverse chiavi di lettura, gli ottimi risultati raggiunti lo scorso anno ed una formula che è stata apprezzata. Solo alcuni dettagli, appunto, cambiano, il numero delle bustine presenti negli starter pack con l’album cartonato che ha 4 bustine al posto delle 8 dello scorso anno. Poca cosa, considerando l’aumento generale della carta e dei prezzi di altri album, l’insieme della collezione Cucciolotti resta assolutamente unica ed alla portata di tutti.

Lo abbiamo scritto in altre occasioni, la scelta di Pizzardi di realizzare un solo album annuale, permette sicuramente di dedicarci tempo e risorse, l’editore milanese ha però ben saputo non sedersi sugli allori e continua a lavorare per cercare nuove tematiche e nuove idee. Non abbiamo la memoria storica per potere dire se una determinata pagina è ripetuta da precedenti annate, ma il fastidioso senso di “qualcosa di già visto” non è parte della collezione Cucciolotti. Questo non significa che ogni anno tutto è diverso, non potrebbe essere, ma se alcuni aspetti sono simili, lo sono non per comodo dell’editore ma perché il collezionista ne noterebbe la mancanza.

Il 2024 sarà un anno pieno di sport con l’evento più importante al mondo, le Olimpiadi. A Parigi si incontreranno atleti da ogni parte del pianeta e per tanti di loro è spesso una occasione unica ed irripetibile di lasciare il segno nella storia. Le assonanze tra attività sportiva e mondo animale sono continue e quotidiane, anche nei nostri modi di dire più comuni, il pugile con gli occhi della tigre, il corridore veloce come una lepre, ecc. Ora grazie agli Amici Cucciolotti è possibile scoprire quali sono i potenziali campioni se un giorno anche i nostri amici animali organizzassero le Olimpiadi della Natura.

Non è certamente la prima volta che Amici Cucciolotti, o un album di figurine sugli animali più in generale, imposta la grafica con classifiche speciali in base alle caratteristiche, ma in questo caso la scelta è talmente marcata da renderlo un album che potrebbe piacere anche ai collezionisti di album sportivi. La formula vincente per un album è renderlo davvero completo solo con le figurine attaccate, le pagine vuote devono dare spunti, fornire suggerimenti ma solo attaccando la figurina sarà possibile avere una risposta. Alcune pagine sono un esempio indovinato, una formula che avremmo usata più spesso nell’album, anzi forse ne avremmo fatto un intero album, stravolgendo completamente il format di Amici Cucciolotti.

Per fortuna non siamo noi a prendere queste decisioni; sebbene in prima istanza l’idea sembra geniale, alla lunga potrebbe risultare ripetitiva e quindi meno efficace. Inoltre, come le Olimpiadi ufficiali non sono una cosa a parte rispetto a quanto accade intorno (anzi, sono state spesso il palcoscenico ideale per rivendicare diritti e parlare di pace e fratellanza), anche le Olimpiadi della Natura non vogliono essere una scusa per abbandonare tutto il resto.

Tutto il resto che, nel caso di Pizzardi, sarebbe più che abbastanza per far un secondo album. Invece l’album è uno solo e raccoglie tante anime e tanti argomenti. Ci piace la soluzione dell’alternanza, arrivati a pagina 24 abbiamo pensato che la parte dei “wild champions” fosse terminata, invece tornerà in altre pagine successive. Ma non sarà la sola, le pagine classiche che sicuramente vengono apprezzate da molti parlano anche dei nostri amici cani, gatti e pure di miti e mitologia tra dinosauri e mostri.

La teoria di qualcuno, non la nostra, è che la solidarietà deve essere fatta in silenzio. Sbagliato. Accanto alla sempre utile e fondamentale raccolta di fondi, vi è un aspetto forse più complicato, ma assolutamente necessario, quello della sensibilizzazione, della informazione, nel caso dell’ambiente anche di un cambio di marcia. Ben vengano quindi le tante pagine che attraverso le figurine raccontano non solo i risultati raggiunti dalle vendite dell’album Cucciolotti negli anni, ma chi sono e come operano le organizzazioni che Pizzardi sostiene, da Enpa e Plastic Busters a tutti gli altri, giustamente menzionati.

Non è una forma di auto celebrazione, è la consapevolezza di quanto fatto, di quanto si può fare e di quanto è necessario fare. Fatte le dovute proporzioni, non ci permettiamo certo di paragonarci ad un colosso come Pizzardi, è l’anima stessa anche delle nostre figurine solidali e del progetto Adotta Con La Figurina. A tal proposito una splendida sorpresa trovare nell’album Bebe Vio e gli amici di Art4Sport che permette a bambini e ragazzi amputati e con disabilità di praticare sport. Art4Sport era tra le realtà sostenute da Figurine Forever nel 2023 ed è stata confermata anche per quest’anno.

Non per cuori troppo sensibili le pagine dedicate ai nonni, in un’era che sembra bruciare tutto alla velocità della luce, importante dare peso sempre all’esperienza, di cui i nostri anziani sono grandi custodi ma che sanno, oggi più di un tempo, anche vivere appieno il presente. Se il messaggio verso i più piccoli è di dedicare sempre un po’ di tempo ai propri nonni, questo vale anche per i figli e per tutti. Amici Cucciolotti da questo punto di vista lo ha capito da tempo, l’album è distribuito tra i bambini ma anche nelle case di cura, nelle strutture che ospitano le persone più anziane che sanno entusiasmarsi nel completarlo. Del resto, da almeno 80 anni, chiunque, almeno una volta, ha avuto in mano una figurina o una bustina da aprire. E’ parte della nostra tradizione, della nostra cultura popolare, del nostro modo di essere. Non è tornare bambini, è la consapevolezza di non avere mai smesso di esserlo del tutto.

Le figurine sono da sempre un valore aggiunto della collezione, ci viene da pensare che ancora di più delle pagine e delle tematiche dell’album, sono queste a portare via tanto tempo all’editore nella preparazione grafica. Colorate e dinamiche, diverse tra loro, nel senso più ampio del termine. I bambini, ma anche gli adulti, non perderanno mai la curiosità di aprire una bustina perché fino in fondo non potranno davvero sapere cosa aspettarsi.

La collezione di 72 card segue la linea delle ultime due collezioni e questa è sicuramente una bella soluzione. Negli anni il mazzo di card per giocare diventa sempre più sostanzioso, siamo già ad oltre 200 card. L’idea della scatolina a parte, come per altre collezioni, non ci fa impazzire. Sarebbe bello un album cartonato che potesse contenerle, come accaduto recentemente con le collezioni di Tex e Topolino della Panini. Al tempo stesso, questo potrebbe comportare un innalzamento dei costi e forse sarebbe un controsenso presentare delle parti in plastica per un album che invita ad eliminarla. Inoltre, la grande differenza è che le card Cucciolotti nascono davvero per giocare (sebbene probabilmente molti le collezionano e basta), quelle di altri album sono belle da vedere e da custodire, ma non nascono per altri utilizzi.

Box da 100 bustine, prezzo a bustina uguale allo scorso anno, niente diavolerie moderne solo per spillare soldi ai malcapitati collezionisti. Da sottolineare l’inserto centrale nell’album versione spillata, brevettato, che evita l’antipatico e piuttosto diffuso problema in altre collezioni delle pagine centrali che si staccano. È un qualcosa di talmente ovvio e necessario che rende piuttosto incocepibile che non sia una regola per tutti gli editori.

Cucciolotti è un album ricco, di figurine e di idee, di buoni propositi e di grandi risultati, di animali e piccoli amici. E’ un album di figurine e noi lo amiamo (anche) per questo.

(EN)

IL MONDO DEGLI ANIMALI (Panini)

EDICOLA NEWS: LE RECENSIONI nr. 342

in collaborazione con Edicola Birra Fumetteria

album: Il mondo degli animali (Panini)

figurine: 224 (1-187, X1-X37)

starter pack: album + 5 bustine 3,50€

box: 36 bustine (5 figurine per bustina) 0,70€ cad.

blister: 5 bustine 3,50€

In 5 anni tre album Panini dedicati al mondo degli animali, nel 2020 è la volta di Animali con un riferimento legato all’anno in copertina come fosse un Calciatori, nel 2021 l’esperimento mal riuscito di Rewild, anche qui con qualche indicazione che ci sarebbe stato un seguito. Ad oggi, non si hanno notizie, tranne l’uscita di questo “Il mondo degli animali“, dove viene scritto con grande enfasi “arrivederci al prossimo album!”. Chissà se sarà vero..

L’unica certezza è che Panini ci riprova, seguendo le orme di chi ha dedicato tutto il suo impegno a creare l’album per eccellenza dedicato al mondo animale, stiamo parlando di Amici Cucciolotti. Lo si nota da un dettaglio significativo, a fronte dei costi delle bustine Panini che viaggiano tra i 0,80 al molto più spesso 1 euro, in questo caso la bustina resta a 0,70 euro. Come le bustine della Pizzardi. Prezzo che dalle parti di Modena non si vedeva davvero da diverso tempo, se è un caso, non ci crediamo.

L’album è comunque di ottima fattura, ricorda le enciclopedie Disney della Mondadori dedicate al mondo animale dove a fronte di una necessaria parte didascalica, la stessa era impostata su un linguaggio meno scientifico e più diretto, facendo breccia su curiosità e caratteristiche speciali e particolari. Considerando il target di pubblico al quale si rivolge, la scelta è indovinata e del resto fanno così anche gli altri. A proposito di similitudini tra i due album, è invece probabile che l’idea di collegare in qualche modo gli album alle prossime Olimpiadi di Parigi 2024 sia, più che un caso, una logica naturale e funzionale.

Sicuramente dietro alla produzione, ha lavorato un team di esperti, la suddivisione per specie o tipologia (alcune molto simpatiche e ben riuscite) di animale è riuscita. Giusto “giocare” con la fauna ma anche dare indicazioni corrette, sintetiche ma efficaci. Una presentazione per animale che ha il pregio non solo di spiegarne le caratteristiche, talvolta le doti “sportive”, ma anche di collocarlo nel giusto continente. Dettaglio importante che sarebbe opportuno riscoprire anche noi grandi.

Il mondo degli animali è il classico album per tutta la famiglia, la presenza dell’adulto accanto al bambino è fondamentale per andare oltre al solo attacco della figurina ma per capire, comprendere, chi è, cosa fa, come vive (talvolta come prova a sopravvivere) il protagonista della nostra piccola amica di carta.

Le foto in particolare sono di ottima qualità e danno corpo ad un album ben realizzato. Il mondo delle figurine non è solo calcio, per fortuna, ma anche tanto altro. Ci sono i cartoni animati, i fumetti, gli youtuber, ecc. ma anche quella tipologia di album raccolti nel termine “didattico” che hanno fatto la storia ed il successo delle figurine sin dal primo dopoguerra.

Ora in edicola sono presenti molto meno album didattici di un tempo, ma di contro la qualità è cresciuta in modo esponenziale. Sul mondo animale ma anche ad esempio sul mondo dell’arte grazie alla collana Artonauti. A noi piacerebbe rivedere anche album dedicati alla storia, alla scienza, alla geografia, alle bandiere di tutto il mondo.

Fa strano notare, ancora una volta, quanto sugli album dedicati ai più piccoli, la qualità della carta, opaca invece che lucida, sale di livello rispetto ad altre produzioni Panini. Il dettaglio non di poco conto, a parere nostro, è il non coinvolgimento di un soggetto solidale e sociale. Non crediamo alle multinazionali con un cuore, ma certamente si poteva collegare l’uscita di questo album ad una delle tante organizzazioni che operano a tutela dell’ambiente, degli animali, del mare, ecc. Un’occasione persa.

Suggerimento: ripensando alle enciclopedie didattiche Disney di tanti anni, e considerando che Panini detiene i diritti di paperi e topi (come della stragrande maggioranza di tutto il resto), perchè non pensare di riproporre una formula del genere? Con Pico De Paperis ed Archimede e con loro tutti gli altri che introducono i bambini nel meraviglioso mondo della natura, delle scienze e della storia. Magari non solo in copertina.. come abbiamo visto anni fa in un improbabile album sui ragni dove però in copertina e solo in copertina era presente in grande spolvero Spider-Man.

(EN)